lunedì 28 novembre 2011

Manuale dell'ingegnere

Nuova edizione del "Manuale Colombo", libro mastro degli ingegneri italiani. Ideato dall'ingegnere Giuseppe Colombo come manuale pratico, "succinto e tascabile" e pubblicato dall'editore Hoepli per la prima volta nel 1877 - poco dopo la fondazione del Politecnico di Milano, allora Istituto Tecnico Superiore -, fu via via aggiornato e accresciuto fino a diventare, con la 70a edizione del 1939, un testo polivalente per tutte le specialità di ingegneria. A metà anni '80 del secolo scorso subì una riorganizzazione completa, pur nella continuità storica con il passato, affinché potesse rispondere adeguatamente alle esigenze di complessità dell'ingegneria moderna e allo sviluppo di nuove discipline ingegneristiche. È in questa nuova veste che è stato aggiornato e ampliato nelle successive edizioni, fino alla presente, l'ottantaquattresima, rivolta agli ingegneri dei corsi di laurea triennali e specialistici e del dottorato di ricerca. Articolata in 16 sezioni, ciascuna preceduta da un indice dettagliato, questa edizione include una nuova sezione, "Qualità e sicurezza", e alcuni nuovi capitoli su costruzioni in acciaio, robotica, ingegneria sismica, adesivi strutturali, sistemi di protezione elettrica, mercato dell'energia; altri capitoli (Topografia e fotogrammetria, Estimo, Tribologia, Materiali compositi, Consolidamento delle costruzioni, Elementi di macchine, Turbocompressori, Costruzioni marittime, Trattamenti di potabilizzazione) sono stati rivisti. Il CD-Rom allegato contiene materiali integrativi, quali modelli, programmi, tabelle di dati; norme tecniche commentate; programmi e tabelle per il calcolo delle strutture in acciaio.

Manuale dell'ingegnere: nuovo Colombo.
84. ed. Milano: Hoepli, 2003.

Gli argomenti del libro:

Matematica, topografia, estimo; Fisica applicata; Materiali e loro proprietà; Scienza delle costruzioni; Ingegneria edile; Ingegneria meccanica; Ingegneria dei trasporti; Idraulica e costruzioni idrauliche; Ingegneria chimica; Ingegneria industriale; Elettrotecnica; Microelettronica analogica e digitale, informatica, telecomunicazioni; Ingegneria nucleare; Ingegneria gestionale; Ingegneria ambientale; Qualità e sicurezza.



In biblioteca
alla collocazione: C 620 COL MAN

mercoledì 23 novembre 2011

Crisi di imprese

Rassegna di studi sulla condizione di crisi di impresa, caratterizzata da un taglio pratico. Raccoglie casi particolarmente rilevanti di società e gruppi (Alitalia, Chrysler, Gabetti, Risanamento, ecc.) che hanno superato con successo la situazione di dissesto economico mediante il ricorso agli strumenti offerti dall'ordinamento italiano - dalle soluzioni di tipo puramente privatistico non contemplate dalla legge a quelle che non prevedono il controllo giudiziario, dagli accordi di ristrutturazione dei debiti (ex art. 182-bis l.fall.), al concordato preventivo con ristrutturazione, alle vere e proprie procedure concorsuali. Questi casi riflettono la tendenza osservabile nei più recenti provvedimenti legislativi, e fatta propria dai giudici nelle loro decisioni, alla conservazione dell'impresa in crisi, al salvataggio dei livelli occupazionali, all'attribuzione di un ruolo centrale ai creditori. Altri aspetti presi in esame dai contributi sono opportunità e rischi nelle operazioni di risanamento; le fattispecie incriminatrici non applicabili (ex art. 217-bis l. fall.); le relazioni tra procedura principale e procedure secondarie nei casi di insolvenza aventi implicazioni transfrontaliere, con riferimento al Regolamento 2000/1346/CE; estero-vestizione; orientamenti della Commissione europea in materia di intervento pubblico a favore delle imprese in crisi; la ristrutturazione dei gruppi di imprese internazionali; normativa fiscale in materia di crisi di imprese. Le appendici riportano materiali di interesse generale e circolari sui compensi, materiali rilevanti per le banche, esempi di accordi di ristrutturazione, delibere di aumenti di capitale, provvedimenti della Consob, provvedimenti giudiziari di omologa di piani, statuti di alcune delle grandi aziende studiate nel testo.

BONELLI Franco (curatore),
Crisi di imprese: casi e materiali.
Milano: Giuffrè, 2011.

Gli argomenti del libro:
Insolvenze dei grandi gruppi (casi Alitalia, Chrysler, Socotherm, Viaggi del Ventaglio, ...); Accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182bis l. fall. (casi Gabetti Property Solutions s.p.a. e Risanamento s.p.a.); "Conversione" del credito delle banche in capitale di rischio nel contesto della crisi d'impresa; Esenzione OPA obbligatoria nelle operazioni di "salvataggio" di società quotate in crisi (casi Gabetti, Risanamento, Omnia Network); Concordato preventivo con continuazione dell'attività d'impresa; Profili civili e penali delle novità introdotte dalla l. 30 luglio 2010, n. 122 in materia di soluzioni negoziate delle crisi d'impresa; L'insuccesso delle operazioni di risanamento delle imprese in crisi e le responsabilità che ne derivano; "Concessione abusiva" di credito e "interruzione abusiva" di credito; L'art. 217-bis l. fall. e la disciplina penale delle procedure di soluzione della crisi d'impresa; Rapporti tra procedura principale e procedure secondarie nel Regolamento (CE) 1346/2000; "Esterovestizione" e competenza del Tribunale fallimentare (caso Burani Designer Holding); Crisi delle imprese e diritto dell'Unione europea in materia di aiuti; Ristrutturazione di gruppi di imprese internazionali; Fiscalità delle crisi d'impresa; Conversione dei crediti in partecipazioni sociali ex art. 113 del TUIR.


In biblioteca

alla collocazione: L 346.45078 CRI

lunedì 21 novembre 2011

Bioetica

Rivolto in particolare a studenti e insegnanti delle scuole medie superiori, a sacerdoti e a operatori delle pastorali familiari e giovanili, introduce alla bioetica con taglio divulgativo. I primi quattro capitoli delineano origini e finalità della disciplina, e alcune questioni fondamentali (vita umana, persona umana, concezione di morale) attorno alle quali è particolarmente intenso il dibattito tra fautori di posizioni ideologiche differenti; vi sono approfondite le visioni laica e cattolica; una riflessione a parte è dedicata al concetto di persona umana e di dignità della persona umana, individuato come il nodo cruciale di tutte le questioni di bioetica. I capitoli successivi (V-XX) trattano ciascuno gli aspetti scientifici, giuridico-normativi, sociali ed etici relativi a un problema specifico di cui la bioetica si occupa, dall'aborto alla clonazione, dal trapianto di organi all'eutanasia ai problemi ambientali.

ARAMINI Michele,
Bioetica: manuale semplice per tutti.
Castellanza, 2008.

Gli argomenti del libro:
Origini della bioetica e problemi aperti; Bioetica laica; Bioetica di ispirazione cattolica; Persona umana e la sua dignità; Salute e malattia; Diritti del malato; Embrione umano; Sperimentazione negli esseri umani; Ingegneria genetica: principi etici; Clonazione; Cellule staminali; Aborto; Fecondazione artificiale; Significato della generazione umana; Trapianti di organi; Eutanasia e accanimento terapeutico; Cure palliative; Testamento biologico; Bioetica e ambiente.


In biblioteca
alla collocazione: L 174.2 ARA BIO

Decisioni intuitive

Basato principalmente sulle ricerche condotte dall'autore e da altri studiosi presso l'Istituto Max Planck per lo sviluppo umano, questo libro spiega come funziona l'intuizione, o sensazione viscerale, allo scopo di comprendere le probabilità di successo, o di insuccesso, di decisioni prese affidandosi all'intelligenza inconscia. L'intuizione, definita come un giudizio che affiora rapidamente alla coscienza, capace di indurci all'azione, ma di cui non sappiamo spiegare le motivazioni, è secondo l'autore caratterizzata da una sua propria razionalità, diversa dalla logica del ragionamento deliberato ben rappresentata dall'esempio paradigmatico della partita doppia dell'"algebra morale" di Benjamin Franklin, fondata sulla ponderazione ottimale dei pro e dei contro. L'autore mostra come l'uomo, per decidere in un contesto dominato dall'incertezza, quale è il mondo reale, si affida non a calcoli complessi condotti su una quantità di informazioni disponibili auspicabilmente illimitata, bensì a processi rapidi ed economici, a un'euristica fatta di regole pratiche create e trasmesse nel corso dell'evoluzione, meno esposte a errori di valutazione proprio in virtù della loro semplicità.

GIGERENZER Gerd,
Decisioni intuitive: quando si sceglie senza pensarci troppo.
Milano: Cortina, 2009.

Gli argomenti del libro:
L'intelligenza inconscia (Sensazioni viscerali - Meno (qualche volta) è più - Come funziona l'intuizione - Il cervello dell'evoluzione - Le menti adattate - Perché le buone intuizioni non devono essere logiche); Le sensazioni viscerali in azione (Mai sentito parlare di ...? - Di buone ragioni ne basta una - In medicina meno è più - Il comportamento morale - Gli istinti sociali).


In biblioteca
alla collocazione: L 153.44 GIG DEC

sabato 19 novembre 2011

La fiscalità delle società IAS/IFRS

I contributi di docenti e consulenti raccolti in questo testo aggiornato e sistematico, rivolto a imprese, professionisti, funzionari dell'Amministrazione finanziaria, approfondiscono ciascuno un aspetto del calcolo dell'imponibile IRES e IRAP delle società che adottano le norme tecniche internazionali di contabilità IAS/IFRS, un tema sul quale la normativa italiana è ancora assai lacunosa, e di cui sia l'Agenzia delle Entrate sia la dottrina finora si sono scarsamente occupate. Per ogni aspetto analizzato sono illustrati i principi IAS e IFRS che lo regolano e le loro implicazioni in termini di imposizione fiscale, anche alla luce delle principali questioni sorte in questi anni, inerenti le relazioni tra scelte in materia di bilancio compiute in adempimento ai principi contabili internazionali e determinazione dell'imponibile.

ZIZZO Giuseppe (curatore),
La fiscalità delle società IAS/IFRS.
Assago: Ipsoa, 2011.

Gli argomenti del libro:
"Questione fiscale" delle società IAS/IFRS; Aspetti comparati e prospettive europee (CCCTB); Criteri di qualificazione IAS/IFRS; IAS/IFRS e imputazione temporale; Ricavi e plusvalenze patrimoniali; Regime fiscale di azioni, quote e strumenti similari per le società IAS adopter; Strumenti finanziari non partecipativi; Sopravvenienze attive e passive e "first time adoption"; Rimanenze di magazzino; Lavori su ordinazione; Benefici ai dipendenti; Interessi passivi; Immobilizzazioni tecniche e immobili non strumentali; Attività immateriali; Leasing per le società utilizzatrici e per le società di leasing; Valutazione dei crediti; Componenti imputati direttamente a patrimonio; Strumenti finanziari derivati; Cessioni e conferimenti d'azienda; Scambi di partecipazioni e principi contabili internazionali; Fusioni e scissioni contabilizzate IFRS 3; Operazioni di fusione e scissione under common control; Determinazione dell'imponibile IRAP.



In biblioteca
alla collocazione: L 343.45052 FIS

giovedì 17 novembre 2011

Entrepreneurship and small business

Affronta i temi dell'imprenditorialità e della gestione di piccole imprese con riguardo a un'area comprendente più Paesi, distinguendosi dalla maggior parte dei libri sui medesimi argomenti, in genere limitati a un'unica giurisdizione. Tiene conto delle significative differenze per ciò che concerne l'ambiente e le procedure per l'avviamento e la gestione di nuove attività che si registrano nel bacino del Pacifico - più specificamente, in Australia, Nuova Zelanda, Malesia, Singapore, India, Hong Kong e Cina, dove le nuove attività imprenditoriali e la gestione di imprese di piccole dimensioni già avviate sono punti cardine dell'economia -, rispetto alle realtà britannica, statunitense, o australiana, trattate nella maggioranza delle pubblicazioni in lingua inglese sull'argomento. Passo a passo, dall'individuazione dell'opportunità imprenditoriale, alla ricerca e alla formulazione della strategia di mercato, dalla preparazione del business plan, al finanziamento, all'assistenza da parte di servizi di consulenza, fino alla gestione quotidiana della impresa avviata (marketing, organizzazione e gestione della produzione, gestione del personale, gestione finanziaria) e a una serie di questioni specifiche (gestione dell'innovazione, strategie per la crescita d'impresa, corporate entrepreneurship, aspetti sociali e ambientali della gestione), il testo fornisce tutte le informazioni teoriche e pratiche necessarie a quanti intendano avviare una redditizia piccola attività locale, o un progetto imprenditoriale che cresca nel tempo, sia a quanti studiano le piccole imprese.

SCHAPER Michael (et al.),
Entrepreneurship and small business. 3rd Asia-Pacific ed.
Milton: Wiley Australia, 2011

Gli argomenti del libro:
Entrepreneurship: definition and evolution; The personality of entrepreneurs; Creativity, innovation and entrepreneurship; Small business: definitions and characteristics; Options for going into business; Market research and strategy formulation; Preparing a business plan; Legal issues; Financing new and growing business ventures; Accessing business advice and assistance; Marketing; Operations management; Human resource issues in new and small firms; Financial information and management; ICT as a business tool; Managing growth and transition; Corporate entrepreneurship; Contemporary issues in small business and entrepreneurship.



In biblioteca
alla collocazione: L 658.11 ENT

sabato 12 novembre 2011

Handbook of research on nonprofit economics and management

I ventidue contributi di docenti e ricercatori provenienti prevalentemente dal mondo accademico statunitense offrono una prospettiva interdisciplinare dello studio sulle organizzazioni senza scopo di lucro, collocandosi idealmente nel solco della tradizione di studi fondata trent'anni fa dall'economista Burton Weisbrod. Proprio attraverso l'integrazione dell'apporto di numerose discipline è messa in discussione l'impostazione dominante della ricerca in questo ambito, che impiega esclusivamente strumenti dell'economia per analizzare il comportamento delle organizzazioni (scelta razionale, ottimizzazione vincolata, analisi marginale, ecc.); a loro volta, gli studiosi non economisti sono incoraggiati ad apprezzare strumenti e risultati della ricerca in economia, da loro troppo a lungo ignorati. Più precisamente, questo volume è il frutto dell'arricchimento reciproco tra economia delle organizzazioni senza scopo di lucro e letteratura sulla gestione delle stesse, economia sperimentale, sociologia e antropologia (per l'analisi dei fattori relativi alle istituzioni e alle culture in cui le organizzazioni operano), economia comportamentista.

SEAMAN Bruce A. - YOUNG Dennis R. (editors)
Handbook of research on nonprofit economics and management.
Cheltenham; Northampton: Elgar, 2010.


Gli argomenti del libro:
Income diversification; Revenue interactions; Distribution policies of private foundations; Capital formation; Asset composition; Collaboration versus competition in the third sector; Markets with competition between for-profit and nonprofit firms; Nonprofit wages: theory and evidence; Modeling nonprofit behavior; Pricing strategies; Nonprofits and the value of risk management; Contracting out; Product diversification and social enterprise; Internal organization and governance; Franchises and federations: the economics of multi-site nonprofit; The valuation of volunteer labor; Assessing nonprofit performance; Social accounting for value creation in nonprofits; Certification and self-regulation of nonprofits, and the institutional choice between them; Federal tax policy; The property tax exemption for nonprofits; Government funding policies.



In biblioteca
alla collocazione: L 361.763 HAN

venerdì 11 novembre 2011

The new rules of retail

Forti di un'esperienza pluridecennale come consulenti strategici di imprese commerciali al minuto e di industrie per la produzione di beni di consumo, gli autori forniscono un quadro generale del profondo cambiamento che la vendita al dettaglio sta attraversando come conseguenza del rapido sviluppo tecnologico, dell'internazionalizzazione e della saturazione del mercato. Le trasformazioni in atto, alle quali, si stima, non sopravviverà il 50% delle imprese operanti nel settore, sono accompagnate dal declino dei modelli tradizionali di organizzazione e gestione, e vedono il drammatico sbilanciamento della relazione tra venditori e clienti verso i secondi. In una fase caratterizzata dall'accesso immediato da parte dei consumatori a migliaia di prodotti egualmente attraenti, con sempre più elevati livelli di aspettativa, le aziende possono ancora prosperare se applicano un modello di gestione che combini connettività neurale, distribuzione anticipatoria e controllo della catena di fornitura, individuato dagli autori, attraverso la valutazione della strategia di alcuni giganti del commercio al minuto, sia vincenti, sia fallimentari (Costco, Wal-Mart, Kohl's, Starbucks, VF Corporation, Ralph Lauren, Apple, Linen 'N Things, Circuit City, ecc.), come un fattore determinante del successo delle aziende negli ultimi decenni.
La prima parte del libro si concentra sulle tre principali fasi (waves) del commercio al minuto dalla metà dell'Ottocento fino ad oggi; nella seconda sono illustrati i tre principi operativi individuati dagli autori, mentre nella terza sono spiegati i vantaggi di questo modello attraverso le strategie di singole imprese.

LEWIS Robin - DART Michael,
The new rules of retail: competing in the world's toughest marketplace.
New York: Palgrave Macmillan, 2010.

Gli argomenti del libro:
Definining the three waves of retailing; The new rules of retail (Making the mind connection - Redefining the rules of engagement - The importance of value chain control - What it all means); The masters (The master model - Ideas from the masters - The turnaround artists - Lessons from sears - Models for the future).



In biblioteca
alla collocazione: L 658.87 LEW NEW