martedì 26 marzo 2013

Dialoghi internazionali: città nel mondo

La collezione Oltre lo studio accoglie alcuni numeri del periodico Dialoghi internazionali: città nel mondo, una pubblicazione sulla dimensione internazionale e globalizzata della città. Le città vengono analizzate nel loro tessuto sociale ed economico, anche attraverso la descrizione delle persone, delle idee e dei progetti che si contraddistinguono nelle attività urbane per la loro proiezione al futuro. Per questo motivo, le tematiche affrontate sono diverse, dalle attività produttive tradizionali sviluppate nel territorio all'innovazione tecnologica e al design, dalla progettazione urbanistica alle dinamiche sociali arricchite dai nuovi movimenti migratori. In ogni numero, uno spazio piuttosto ampio è dedicato a Milano, città che nel contesto italiano assume un ruolo di ponte verso il panorama internazionale, attenta alla rivalutazione del locale ma proiettata verso una dimensione globale, tanto da essere anche definita "glocal city". Milano viene descritta nei suoi rapporti con le altre città italiane, nelle sue scelte architettoniche e costruttive, nelle sue eccellenze produttive e di design caratterizzato da un made in Italy attento alla modernità e agli stimoli delle innovazioni straniere.

Dialoghi internazionali: città nel mondo.
Milano: B. Mondadori, 2006-   .
Si possiede: 9 (2008) ; 16 (2011)-18 (2012).

Argomenti del n. 18 (2012):
Nodi: Milano oltre Milano; Vite della città; Pensieri spettinati; Sulle trasformazioni urbane del XXI secolo: urbanisti cinesi in Africa; Lavori di scavo.


In biblioteca
Disponibile in consultazione

lunedì 18 marzo 2013

L'industria nei 150 anni dell'unità d'Italia

Il volume ripercorre la storia delle industrie dall'unità d'Italia fino al 2011, in occasione dell'anniversario dei 150 anni dall'unità. I contributi sono scritti sia da esperti del settore economico-industriale italiano, che ne descrivono le linee di sviluppo e le peculiarità, sia da storici, i quali analizzano il ruolo di alcuni personaggi che hanno guidato gli orientamenti di politica economica italiana a partire dall'unificazione. La prima parte si sofferma sulle modalità di sviluppo della prima industria italiana e sulla preparazione tecnico-scientifica che guidò lo sviluppo industriale tra Ottocento e Novecento, presentando la fondazione del Politecnico di Milano e le figure di Francesco Brioschi e di Giuseppe Colombo. I capitoli successivi entrano nella specificità dell'industria in Italia e del made in Italy, occupandosi dell'evoluzione di alcuni settori industriali, come quello energetico, chimico, siderurgico e automobilistico. La dimensione storica è accompagnata dalla descrizione delle peculiarità dei prodotti italiani, delle esportazioni e delle relazioni con i mercati stranieri, in particolar modo nel panorama europeo. L'ultima parte raccoglie alcuni interventi sull'industria alimentare, riferendosi anche alla produzione agricola, e sulla storia del tessile e dell'abbigliamento nella penisola italiana, caratterizzata sia dalle piccole e medie imprese, sia dalla presenza dei grandi marchi della moda.

QUADRIO CURZIO Alberto - FORTIS Marco (curatori),
L'industria nei 150 anni dell'unità d'Italia: paradigmi e protagonisti.
Bologna : Il mulino, 2012.

Gli argomenti del libro:
Paradigmi e protagonisti dell'industria italiana; Risorgimento politico e Risorgimento economico;
La cultura politecnica e l'industria; L'energia elettrica; Petrolio e gas; La chimica; La siderurgia italiana; Il sistema dell'auto, i suoi paradigmi e i suoi protagonisti; I contributi delle "4 A" del made in Italy e dei distretti industriali nella storia dell'export italiano; L'industria alimentare italiana dall'Unità alla globalizzazione; Il tessile e l'abbigliamento nella storia unitaria tra preminenza e ricorsività.


In biblioteca
alla collocazione:L 338.0945 IND

sabato 9 marzo 2013

The Oxford handbook of business and government

Il volume raccoglie una serie di contributi autorevoli sulle relazioni che intercorrono tra le attività economiche e i governi, secondo prospettive multidisciplinari. In particolar modo, la prima parte affronta i rapporti tra business e le forme di governo dal punto di vista delle scienze politiche, della storia economica, del diritto e degli studi aziendali. Si entra poi nello specifico delle relazioni istituzionali tra impresa e Stato, ad esempio il comportamento dei governi democratici di fronte a fenomeni come la diffusione delle imprese multinazionali; oppure nelle scelte di politica economica, soprattutto in merito alle teorie sul mercato libero e sulla separazione tra economia e politica, alle diverse forme di capitalismo sviluppate nel corso del 20. secolo, al comportamento dei partiti politici. Nella terza parte vengono confrontati i sistemi economici di diverse aree economiche, tra cui  Stati Uniti, l'Unione Europea, la Cina, il Giappone e il Sud America. Le ultime parti si occupano della regolamentazione dei mercati internazionali e delle tematiche più discusse nelle relazioni tra attività economiche e politica, quali la responsabilità sociale delle imprese, il rispetto per l'ambiente, la sicurezza alimentare, la politica sociale, la concorrenza e l'informazione economica.

COEN David - GRANT Wym - WILSON Graham (editors),
The Oxford handbook of business and government.
Oxford; New York: Oxford U.P., 2011.

Gli argomenti del libro:
Diciplinary perspectives; Firm and state; Comparative business systems; Changing market governance; Policy.


In biblioteca
alla collocazione:L 322.3 OXF